reti di sicurezza e montaggio

Reti di Sicurezza


Le reti di sicurezza sono dispositivi di protezione collettiva (DPC) destinati alla protezione di persone e/o cose contro le cadute dall’alto, costituiti da reti e da intelaiature di sostegno. 

Possono essere utilizzate nelle lavorazioni in cui esiste il rischio di caduta dall’alto e cioè nei lavori in quota (attività lavorative che espongono il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore ai 2 m rispetto a un piano stabile).

La scelta delle reti di sicurezza

Le reti di sicurezza da adottare in una specifica realizzazione dipendono dai rischi da eliminare e/o ridurre, preventivamente individuati nell’attività di valutazione dei rischi. Esse devono essere posizionate il più possibile vicino al piano di lavoro.

Per il nostro tipo di lavoro la scelta ricade sulle reti di tipo S ; la normativa UNI EN 1263-2 fornisce la deformazione massima (fmax) della rete in relazione all’altezza di caduta (h) e della dimensione del lato corto (l) della rete nel caso descritto in figura

Sotto la rete è necessario garantire uno spazio vuoto maggiore di fmax per evitare che eventuali ostacoli intralcino la trattenuta della rete.

Montaggio reti di sicurezza

Prima del montaggio delle reti di sicurezza è necessario verificare:

  • l’idoneità della struttura di ancoraggio (tipologia del materiale base, dimensioni, spessore);
  • le condizioni della superficie di lavoro (presenza di ghiaccio, scivolosità);
  • la presenza di vento;
  • le condizioni atmosferiche;
  • l’applicabilità della procedura o delle istruzioni di montaggio;
  • l’idoneità dei dispositivi di ancoraggio (meccanici, chimici) per l’uso previsto;
  • l’idoneità del Sistema (nel nostro caso “S”);
  • l’integrità di tutti i componenti della rete di sicurezza (materiali e saldature, assenza di corrosione, deformazioni o ammaccature, tagli, lacerazioni, abrasioni, deterioramento).

Smontaggio delle reti di Sicurezza

Prima dello smontaggio della rete di sicurezza è necessario verificare:

  • le condizioni della superficie di lavoro (presenza di ghiaccio, scivolosità);
  • la presenza di vento;
  • le condizioni atmosferiche (vento, pioggia ecc.); 
  • l’applicabilità della procedura o delle istruzioni di smontaggio.
La manutenzione della rete di sicurezza

La manutenzione della rete di sicurezza deve essere effettuata da parte di personale qualificato.

Per i componenti in tessuto essa prevede:

  • la verifica sulla presenza di tagli;
  • la verifica sulla presenza di abrasioni;
  • la verifica dell’usura;
  • la verifica dei danni dovuti al calore e a sostanze aggressive (acidi, solventi);
  • la verifica del deterioramento dovuto ai raggi del sole;
  • la verifica dello stato tensionale;
  • la verifica della modifica del colore;
  • la verifica del periodo di servizio.

G.F. Sicurezza propone un nolo a caldo e a freddo di reti anticaduta di tipo S

Related Posts

Leave A Reply